L’idea prende spunto dalle ricerche in ambito artistico e architettonico a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta – le strutture di Sol Lewitt, gli esperimenti radicali di Superstudio, così come gli studi di Fritz Haller sui sistemi costruttivi o il progetto Abitacolo di Bruno Munari. Il progetto si presenta come un’infrastruttura costituita da un telaio in pero (sezione 4 x 4 cm) con modulo 60 x 60 cm, e da un abaco di elementi – ripiani, cassetti e contenitori – attraverso i quali è possibile creare diverse configurazioni spaziali.

 

Il sistema è concepito per offrire un ampio grado di flessibilità. La parte bassa del telaio prevede tre diversi livelli d’imposta: 40, 70 e 90 cm, rispettivamente la quota ideale per una seduta o per la TV, l’altezza per un tavolo, e infine la quota per un piano di lavoro. A seguire i moduli riprendono l’unità di 60 cm.

 

Sebbene l’idea formale prenda spunto dai sistemi modulari metallici concepiti a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta, l’aspetto costruttivo del progetto è finalizzato invece ad esaltare le proprietà delle diverse essenze di legno selezionate e le tecniche d’incastro della carpenteria  tradizionale. Per il telaio si è optato per un profilo 35 x 35 mm in pero, facilmente reperibile in Italia, per sfruttare al meglio la compattezza dell’essenza legnosa. I moduli della cucina e i ripiani sono multistrato di betulla impiallacciato in tranciato di Rovere termotrattato, il cui colore scuro crea contrasto con la struttura. I cassetti e i moduli contenitori sono invece realizzati con pannelli in multistrato di pioppo rivestiti all’esterno in tranciato di Amaranto e all’interno con laminato colorato.

 

Il sistema prevede infine alcuni elementi in metallo: dei tondini pieni in ferro colorato (diametro 6-8 mm) si appoggiano sulla struttura in apposite sedi realizzate con la CNC per consentire successivamente la posa dei contenitori o delle mensole. I giunti della struttura sono infine consolidati con perni in ottone pieno. Il sistema è completato dai pomelli degli elementi apribili: anch’esse dei cilindretti in metallo colorato.

 

con PLUS ULTRA e Aree di Studio. Render: Niccolò Brovelli.

PROGETTO

Alessandra Castelbarco

Marco Di Nallo

Chiara Girolami

Valerio Panella

Giuseppe Tagliabue

CRONOLOGIA

I fase 2016

II fase 2017

PROGRAMMA

Concorso per allestimento

showroom Slow Wood

SUPERFICIE

35 mq

RISULTATO

Terzo classificato

Please reload

SYSTEM

SLW

Furniture

  • Facebook Alessandra Castelbarco
  • Behance  Alessandra Castelbarco
  • Linkedin Alessandra Castelbarco
  • Archilovers Alessandra Castelbarco
  • Instgram Alessandra Castelbarco
  • Homify Alessandra Castelbarco
  • Houzz Alessandra Castelbarco
  • Pinterest Alessandra Castelbarco

© 2017-2019 alessandracastelbarco.com  |  This website was handmade with care |

Via A. Maffucci, 40 - 20158 Milano  |  studio@alessandracastelbarco.com